Allarme Imu nelle grandi città, Spaziani: “Non sempre si è ricchi quando si ha una seconda casa”

House built from euro notes (Digital)Stangata del 140 per cento per l’acconto Imu gravante sulle seconde case.  L’aumento di gran lunga superiore al 100 per cento rispetto a quanto pagato nel 2011 si è avuto specie nei grandi centri urbani dove si sono raggiunte punte addirittura del 208 per cento Milano, o Bologna 198 per cento.

Sul piede di guerra Confedilizia che sottolinea come spesso il termine stesso “seconda casa” sia del tutto fuorviante.

Giorgio Spaziani Testa, segretario dell’associazione degli edili, specifica che «In realtà possedere una casa diversa da quella in cui si abita non è sempre sinonimo di ricchezza, c’è chi l’ha avuta semplicemente in eredità piuttosto c’è chi è stato costretto a trasferirsi altrove per motivi di lavoro, in altri casi ancora la rendita derivante dall’affitto serve solo a mantenere i figli disoccupati».

Cauto altresì il commento del presidente di “Sos utenti consumatori” Antonio Ferrara «E’ totalmente inutile lanciare crociate contro i cosiddetti possidenti che poi di fatto ricchi non sono. Premesso ciò, è giusto che a pagare in misura maggiore le tasse sia sempre chi possiede di più. Come associazione di consumatori siamo dalla parte dei cittadini vessati, qualsiasi sia il loro ceto sociale» Nessun timore di apparire classisti o peggio ancora dalla parte dei cosiddetti poteri forti. «Un cittadino che riceve un torto che possegga una sola abitazione, ne abbia 10 o nessuna, per noi come per il diritto non cambia nulla. Sbaglio o in Italia vige il principio secondo cui “la legge è uguale per tutti?” Solidarietà ai proprietari di seconde case colpiti dall’ennesimo balzello ma con riserva «Confedilizia oltre a denunciare le storture del sistema di tassazione si impegni nel contempo a favorire l’emersione dei cosiddetti affitti in nero».

Rispetto della legge ed imposizione fiscale, connubio difficile ma non impossibile specie in tempo di crisi, economica e sociale. 

Raffaele de Chiara

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci al numero: 0656547128