Assente al matrimonio del cugino a causa del ritardo aereo: risarcito

ritardo aereo

Il ritardo aereo mi fa perdere il matrimonio!

Nessuno si aspetta di non poter partecipare alla celebrazione del matrimonio di un caro cugino, specie a causa di un ritardo aereo. La famiglia, del resto, è la famiglia, ed è doveroso esser presenti. Non vorrai mica perderti una grande abbuffata del genere, accompagnata da una ricca bevuta di vino pregiato?

Il matrimonio, in effetti, oltre ad essere un momento sacro per i coniugi, rappresenta anche una vera e propria occasione di svago per i familiari. Questa occasione, unica per la maggior parte delle coppie, diventa quasi irripetibile per i parenti che vivono all’estero, costretti a fare i salti mortali per incastrare esigenze di vita, disponibilità economiche e tempistiche del viaggio.

Sai bene quanto costa spostarsi e soggiornare altrove, e sai bene che l’organizzazione di un viaggio così importante comporta innumerevoli sacrifici. E non è giusto che un ritardo aereo vanifichi tutto ciò.

Eppure è capito ad uno sfortunato viaggiatore, costretto dalle circostanze ad esser assente al matrimonio del cugino.

Così,  l’invitato latitante ha sottoposto il suo (triste) caso all’attenzione del Giudice di Pace di Milano, segnalando di  essersi recato recava all’aeroporto di Milano per imbarcarsi un volo con destinazione Albania, suo paese di provenienza, per poter partecipare al matrimonio del cugino. Tuttavia, una volta effettuato in check in, gli veniva comunicato che il volo sarebbe partito con notevole ritardo; successivamente, addirittura, la partenza veniva rinviata al giorno successivo.

Come conseguenza, ma già lo sai, il viaggiatore non riusciva ad essere presente alla celebrazione del matrimonio del cugino.

Il giudice di pace, riscontrato ciò, ha quindi correttamente ritenuto che fossero applicabili tanto il Regolamento (CE) n. 261/04 ed in particolare dell’art. 6 e tanto la Convenzione di Montreal (art. 19), che disciplinano, appunto, i casi di ritardo aereo e di responsabilità del vettore.

Sulla base di questa disciplina, quindi, ha ritenuto che il passeggero che non riesca a partecipare al matrimonio di un parente a causa un ritardo aereo ha diritto alla compensazione pecuniaria di cui al Regolamento Comunitario 261/2004.

Il rinvio al giorno successivo rispetto a quello programmato, determinando l’impossibilità di partecipare al matrimonio, è stato secondo il giudice fonte di responsabilità per il vettore, che è stato condannato dal Giudice di Pace di Milano, (sentenza n. 9339/2015) a corrispondere al passeggero una compensazione pecuniaria di 250 euro.

Come avere un Rimborso per Ritardo Volo (corna facendo)

Ti auguro di non incorrere mai in una situazione del genere.

Però, non si sa mai. Le circostanze spiacevoli, del resto, capitano a tutti. Ragion per la quale ti consiglio di leggere anche questa semplice guida su come avere un rimborso in caso di ritardo del volo. 

Per ulteriori informazioni ed assistenza sulle operazioni necessarie ad ottenere un Rimborso per Ritardo Aereo, potrai rivolgerti, in modo del tutto gratuito, alla Associazione SosUtentiConsumatori:

SosUtentiConsumatori.it da sempre dalla parte dei più deboli.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i viaggiatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il Modulo sottostante oppure chiamaci al numero: 0656547128