Bollette 28 giorni, arrivano i rimborsi

bollette 28 giorni rimborsi

 

Negli ultimi tempi le compagnie telefoniche hanno modificato in modo unilaterale il ciclo di fatturazione, ovvero hanno previsto una illegittima fatturazione a 28 giorni, anziché a cadenza mensile: una vera e propria truffa per i consumatori.

Il legislatore ha così deciso di metterci una pezza. Con l’arrivo dell’emendamento al decreto fiscale, infatti, saranno previste multe salatissime per le compagnie telefoniche e gli operatori in genere che continueranno a fatturare a 28 giorni e indennizzi a titolo di risarcimento per i consumatori. Al riguardo, l’emendamento depositato dal senatore Stefano Esposito prevede un indennizzo a favore dei consumatori di 50 euro in caso di violazione dei termini ordinari previsti per i cicli di fatturazione.

Si tratta di una vera e propria rivincita da parte dei consumatori vittime di costi e fatturazioni illegittime.

Tale emendamento punta in particolar modo a inserire nel testo del decreto fiscale una locuzione che di fatto obbliga a vigilare sul “rispetto della periodicità della fatturazione prevista dalle disposizioni vigenti”.
Pertanto saranno previste sanzioni da € 500 mila a 5 milioni di euro per le compagnie che violano la normativa in vigore.

Inoltre il testo fa riferimento in particolare ad un indennizzo forfettario, non inferiore a € 50,00 in favore di ciascun utente/consumatore interessato dalla illegittima fatturazione.

Vieddippiù nel testo è prevista la restituzione delle somme indebitamente percepite qualora il comportamento lesivo dell’operatore abbia determinato un esborso illegittimo a carico degli utenti.

Sulla situazione è intervenuto anche il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, il quale ha dichiarato pubblicamente che la tariffazione a 28 giorni rappresenta una pratica commerciale scorretta che verrà esplicitamente vietata attraverso appositi strumenti legislativi nelle prossime settimane. E’ quanto spiegano fonti del Ministero dello Sviluppo in riferimento alla nota diffusa da Asstel, con la quale l’associazione ribadisce la legittimità di tale tariffazione. Per quanto riguarda la sanzione delle passate condotte la valutazione spetta all’Agcom ma l’auspicio del Ministero è che i consumatori siano rimborsati.

Soddisfatto dell’intervento del Governo e delle istituzioni è il dott. Gianluca Cuomo, Presidente Nazione dell’Associazione SOS Utenti consumatori, il quale ha dichiarato: “Speriamo che non siano solo parole al vento ma che il Governo si attivi in maniera fattiva affinchè non vengano sempre penalizzati i consumatori”.