Consumi in calo del 4% Confcommercio “La crisi non è ancora finita”

consumiContinua la discesa senza sosta dei consumi nel mese di Aprile. Meno 3,9% con la diciassettesima variazione negativa da venti mesi a questa parte. Sulla stessa linea se non peggio i dati relativi alle telecomunicazioni, solitamente sempre in controtendenza, meno 2,5% su base mensile e 0,1% su base annua. Ugualmente negativi anche quelli relativi ai primi 4 mesi dell’anno: meno 4,4% a fronte di una contrazione dell’anno precedente pari al 3,3%.

A renderlo noto è una nota di Confcommercio che sottolinea come «il deteriorarsi delle condizioni occupazionali e reddituali delle famiglie stia determinando una dinamica della domanda, in questa prima parte del 2013, ancora più negativa rispetto a quanto rilevato nei primi mesi del 2012 – più preoccupanti le cifre concernenti i beni ed i servizi per le comunicazioni- nei mesi precedenti quest’ultimi avevano segnalato una certa dinamicità l’attuale flessione contenuta della domanda non può che creare apprensione». Giù anche abbigliamento e calzature (-6,7%), alimentari, bevande e tabacchi (-6,2), mobilità (-7,5% su base annua).

«Quelle di Confcommercio sono cifre che si commentano da sole. Più volte abbiamo invitato il legislatore ad intervenire con forza sulla materia. Ma più volte siamo riamasti totalmente inascoltati – a dirlo è Antonio Ferrara presidente di “Sos utenti consumatori”- quotidianamente i nostri centralini sono intasati da telefonate di cittadini che ci segnalano il continuo ed insostenibile aumento dei prezzi anche di prodotti di prima necessità. Nel contempo sono decine anche le segnalazioni da parte dei commercianti, vessati sempre più dalle tasse e quindi costretti loro malgrado ad aumentare i prezzi» Una spirale infernale di cui è difficile cogliere la via d’uscita. «Le soluzioni ovviamente spettano alla politica e non alle associazioni di consumatori, ciò che noi possiamo auspicare nell’immediato è l’eliminazione dell’iva che dovrebbe scattare a partire da luglio ed un ritorno ad una politica vera che rimetta al centro delle priorità il cittadino e le sue reali esigenze»

Pagare di più consumando di meno, è il mantra beffardo dell’italietta di inizio millennio. 

Raffaele de Chiara

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci al numero: 0656547128