Cresce la richiesta di mutui, Bianco: “Non è una rondine a fare primavera”

mutuo1Gli italiani comprano più immobili. Con un aumento di poco superiore al quattro per cento rispetto al mese di luglio; il trend riguardante la richiesta di mutui bancari per l’acquisto di case fa ben sperare per una ripresa economica a breve.

A dirlo è una ricerca di Crif, la società che si occupa di informazioni creditizie che tuttavia continua a predicare prudenza. Attraverso Simone Capecchi sottolinea come: «La contrazione nei volumi di richieste rimane ancora molto pesante se confrontata con il dato registrato nei primi otto mesi degli anni scorsi ma la dinamica negativa si sta progressivamente attenuando, lasciando intravvedere qualche timido segnale di ripresa – Segnali confortanti specie se confrontata con i numeri della prima parte dell’anno – L’ultimo rilevamento colpisce in quanto anche nel primo semestre del 2013 la domanda si era confermata essere decisamente debole e selettiva, scontando la perdurante fragilità del quadro congiunturale».

Circa 127 mila euro è la cifra media che viene chiesta di essere finanziata

La fascia compresa tra i venticinque ed i trent’anni è la durata media del finanziamento,  da trentacinque a quarataquattro anni è invece l’età in cui si registra una maggiore richiesta di credito.

«Negli ultimi anni gli italiani hanno assunto un diverso atteggiamento rispetto all’investimento immobiliare e, conseguentemente, anche verso i mutui richiesti agli istituti di credito – a sottolinearlo è sempre Capecchi -. Più precisamente, le famiglie si sono maggiormente orientate verso soluzioni in affitto e hanno posticipato l’acquisto di immobili residenziali per non appesantire eccessivamente il bilancio familiare stante la difficile situazione economica. Inoltre, hanno preferito utilizzare risorse proprie e i risparmi dell’intera cerchia familiare per finanziare l’acquisto, tanto che solo un terzo delle compravendite è stata sostenuta dall’accensione di un mutuo. Per queste ragioni risulta particolarmente sorprendente la dinamica registrata negli ultimi due mesi anche se è ancora troppo presto per dire se si tratti di una vera e propria inversione di tendenza».

Moderato anche il commento di Raffaele Bianco consulente del lavoro ed esperto in materie economiche, collaboratore dell’associazione “Sos utenti consumatori”.

«Fortunatamente la ripresa è sotto gli occhi di tutti, i dati raccolti dal Crif ne sono la conferma in ogni caso però personalmente continuo a predicare prudenza, non sarà di certo una rondine a fare primavera»

Raffaele de Chiara 

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci al numero: 0656547128