Libertà di scelta nella determinazione dei compensi: l’antitrust sigla un accordo con gli Ordini degli architetti

architetturaPiena libertà di determinazione dei compensi richiesti per le proprie prestazioni professionali.

E’ quanto garantito dagli Ordini degli architetti di Roma, Firenze e Torino all’Autorità Antitrust che ha reso obbligatori gli impegni formalmente assunti dai professionisti.

La questione è nata in seguito alla diffusione sui siti web degli ordini di cui sopra di sistemi di calcolo utilizzabili dagli iscritti per il computo dei compensi.  I tre organismi avevano introdotto, secondo l’Autorità, “una surrettizia applicazione delle tariffe professionali definitivamente abrogate” nel 2012, in violazione delle norme comunitarie e nazionali sulla libera concorrenza. Ora gli Ordini dovranno assicurare la permanente rimozione di questi sistemi dai loro siti, evidenziando agli iscritti la piena libertà ne determinare i propri onorari.

Entusiasta il presidente dell’associazione Sos Utenti Consumatori Antonio Ferrara. “L’accordo raggiunto – argomenta – rappresenta un ulteriore passo in avanti rispetto alla trasparenza nelle prestazioni professionali erogate  e soprattutto garantisce anche a coloro che per la prima volta si affacciano all’esercizio della professione una maggiore possibilità di affermazione”

Gli Ordini professionali come caste

“Troppo spesso questi organismi perdono di vista la loro funzione reale che da un lato serve a garantire coloro che vi fanno parte mentre dall’altro è utile anche ai fruitori delle prestazioni. Un accordo come quello appena raggiunto è utile appunto a ripristinare un rapporto di lealtà e fiducia tra professionisti e utenti, senza tralasciare l’opportunità di affermarsi anche per i più giovani troppo spesso tagliati fuori dal mercato”.

L’auspicio finale è quindi che sempre più Ordini “Oltre a garantire il rispetto delle regole, specie sulle modalità di accesso, tutelino i fruitori del servizio, gli unici che troppo spesso appaiono completamente disarmati dinanzi ad alcune storture del sistema che comunque permangono e che necessitano assolutamente di essere cambiate. Ciò che è in gioco – conclude con forza – è il rispetto della libera concorrenza condicio sine qua non anche per una democrazia sostanziale”.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci al numero: 0656547128