Multa valida senza indicazione civico

rateizzazione multa

Multa valida senza indicazione civico

multa
Verbale valido anche se non viene indicato il luogo preciso dell’infrazione.

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 463/2016 ha precisato che sono legittime quelle multe che si limitano ad indicare il luogo preciso ove avviene l’infrazione senza designare nè Comune né numero civico.
Nello specifico il caso affrontato dalla Suprema Corte riguarda un automobilista che aveva contestato una multa su cui gli agenti accertatori avevano indicato in modo generico la “via” senza indicare né il Comune, né il numero civico della presunta infrazione.

Per tale motivo l’utente/consumatore inoltrava ricorso al Giudice di Pace competente, che rigettava l’opposizione; avverso tale sentenza l’automobilista proponeva appello in Tribunale, appello che veniva rigettato e di conseguenza veniva proposto ricorso in Cassazione.
Sulla base di ciò i Giudici del Palazzaccio hanno stabilito che in tema di sanzioni amministrative relative a violazioni del Codice della Strada, il verbale di contestazione deve contenere gli estremi dettagliati e precisi della violazione con riguardo al giorno, ora e località, prescrizioni entrambe dirette a garantire l’esercizio del diritto di difesa da parte del presunto contravventore.

Inoltre, la continuato la Cassazione che il Codice della Strada prescrive l’obbligo, per il verbalizzante, di indicare, sulla contravvenzione, la sommaria descrizione del fatto accertato, gli elementi essenziali per l’identificazione del trasgressore e la targa del veicolo con cui è stata commessa la violazione, ma non impone anche l’esatta indicazione della località dove è avvenuta l’infrazione (art. 200 Codice della Strada).

Infatti, «ove sia stata indicata nel verbale la strada, è priva di fondamento la doglianza relativa alla mancata indicazione del numero civico, non confortata dalla prova, relativa alle caratteristiche del luogo ed al sito esatto in cui il veicolo si trovava, atta ad escludere che fosse stata commessa l’infrazione (Cass. 29-4-2005 n. 8535)».
Quindi se nel verbale, viene indicata la strada, è inutile contestare la mancanza del numero civico e/ il kilometro preciso, essendo la prima sufficiente a identificare il luogo della violazione.

Non è necessaria neanche – prosegue la Corte – l’indicazione del luogo esatto del chilometro: il verbale può limitarsi a indicare la strada su cui è stata commessa l’infrazione, specie se nel rapporto viene anche specificato che si tratta di un tratto di strada provinciale fuori dal centro abitato, privo di numerazione civica e senza indicazioni ettometriche.

Pertanto, si consiglia agli automobilisti di verificare le condizioni prima di esperire un eventuale ricorso avverso una multa, perché in caso di rigetto del ricorso si può essere condannati anche al pagamento delle spese processuali.

Suprema Corte di Cassazione
sezione II
sentenza 14 gennaio 2016, n. 463
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SECONDA CIVILE
Composta dagli Ill.mi Sig.ri Magistrati:
Dott. BUCCIANTE Ettore – Presidente
Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere
Dott. MATERA Lina – rel. Consigliere
Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere
Dott. PICARONI Elisa – Consigliere
ha pronunciato la seguente:

SENTENZA
sul ricorso 7502-2011 proposto da:
(OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS);
– ricorrente –
contro
COMUNE DI INVERIGO (OMISSIS), NELLA QUALITA’ DI SINDACO P.T., elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende per proc . not. del 14/2/2012 rep. n. 18790;
– resistente –
avverso la sentenza n. 104/2010 del TRIBUNALE SEDE DISTACCATA DI CANTU’, depositata il 13/09/2010;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 25/11/2015 dal Consigliere Dott. MATERA LINA;
udito l’Avvocato (OMISSIS) difensore del ricorrente che si riporta al ricorse – udito l’Avv. (OMISSIS) difensore del resistente che chiede il rigetto del ricorso;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CELENTANO Carmelo che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
(OMISSIS) proponeva opposizione al verbale di accertamento n. 1134/2007 elevato dalla Polizia Municipale di Inverigo per la violazione dell’articolo 141 C.d.S., commi 3 e 8, per avere omesso di regolare adeguatamente la velocità in curva, in ora notturna e in relazione al fondo stradale bagnato a causa di pioggia battente. Il ricorrente deduceva la nullità della contestazione per la mancata indicazione del luogo della violazione, per la mancanza di elementi oggettivi da cui desumere l’eccessiva velocità dell’auto, nonchè per l’incompatibilità tra la contestazione dell’eccessiva velocità e la circolazione contromano, contestata con altro verbale.
Con sentenza n. 25/2008 il Giudice di Pace di Cantù rigettava l’opposizione.
Avverso la predetta decisione proponeva appello lo (OMISSIS).
Con sentenza n. 104/2010 in data 13-9-2010 il Tribunale di Como, Sezione Distaccata di Cantù, rigettava il gravame.
Per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso lo (OMISSIS), sulla base di due motivi.
Il Comune di Inverigo ha rilasciato procura speciale all’avv. (OMISSIS), il quale non ha depositato controricorso, ma ha partecipato alla discussione orale in udienza.

MOTIVI DELLA DECISIONE
1) Con il primo motivo il ricorrente lamenta la violazione del combinato disposto del Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, articolo 383, (Regolamento di Attuazione de Codice della Strada) e 200 Codice della Strada. Deduce che, a mente di tali articoli, il verbale deve contenere l’esatta indicazione della località dove è avvenuta l’infrazione; laddove, nella specie, nel verbale impugnato gli agenti accertatori hanno fatto generico riferimento alla “via Don Gnocchi (S.P. 41)”, senza indicare il Comune, il numero civico o il chilometro di riferimento. Sostiene che sia il Giudice di Pace che il Tribunale non hanno compiutamente motivato in merito a quanto dedotto sul punto dall’odierno ricorrente, essendosi limitati a fare riferimento al rapporto di servizio allegato dalla Polizia locale, redatto subito dopo i fatti, nel quale mancava ogni indicazione riguardo al chilometro. Rileva, inoltre, che nella specie non vi sono elementi oggettivi per ritenere eccessiva la velocità tenuta, se non la sola valutazione e percezione degli agenti, peraltro condizionati dall’uscita di strada dell’auto.
Con il secondo motivo il ricorrente denuncia la violazione dell’articolo 111 Cost., e articolo 112 c.p.c., nonchè difetto di motivazione. Deduce che nessuno dei giudici di merito ha compiutamente risolto il quesito relativo all’esatta indicazione del luogo ove era avvenuta l’infrazione. Rileva, inoltre, che il giudice di primo grado ha principalmente motivato la sua decisione basandosi sull’assunto, inconferente e non sufficiente, che si era in presenza di una curva (circostanza non dimostrata mancando l’indicazione del luogo preciso), era di notte e pioveva, ed attribuendo fondamentale importanza all’uscita di strada del ricorrente, ritenendo, pur in assenza di prova certa, l’elevata velocità l’unica causa dell’uscita di strada. Sostiene che anche per tale motivo andava annullata la decisione di primo grado e va annullata la decisione di secondo grado, per mancanza di motivazione sul punto.
2) I due motivi, che per ragioni di connessione possono essere trattati congiuntamente, non appaiono meritevoli di accoglimento.
Le censure mosse avverso la sentenza di primo grado sono inammissibili, in quanto con il ricorso per cassazione avverso la sentenza di appello possono essere denunciati soltanto vizi che attengono a tale decisione, atteso che questa assorbe e sostituisce, anche se confermativa, quella resa in primo grado (Cass. 22-1-2004 n. 1128; Cass. 7-6-2002 n. 8625, Cass. 28-6-2001 n. 8852).
Le critiche rivolte alla sentenza di appello sono prive di fondamento.
Questa Corte ha già avuto modo di affermare che, in tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, il verbale di contestazione della infrazione deve contenere gli estremi dettagliati e precisi della violazione, a norma dell’articolo 201 C.d.S., come ribadito dall’articolo 383, comma 1, del relativo regolamento di esecuzione con riguardo al “giorno, ora e località”, prescrizioni dirette entrambe a garantire l’esercizio del contraddittorio da parte del presunto contravventore, ed a fronte delle quali, ove sia stata indicata nel verbale la strada, è priva di fondamento la doglianza relativa alla mancata indicazione del numero civico, non confortata dalla prova, relativa alle caratteristiche del luogo ed al sito esatto in cui il veicolo si trovava, atta ad escludere che fosse stata commessa l’infrazione (Cass. 29-4-2005 n. 8535).
Nel caso in esame, pertanto, correttamente il giudice del gravame ha ritenuto infondata la doglianza relativa alla mancata indicazione del luogo esatto e del Km. preciso, avendo dato atto che nel verbale è stata indicata la strada (via don (OMISSIS)) in cui è stata commessa l’infrazione e nel rapporto è stato specificato che si trattava di un tratto di strada provinciale fuori dal centro abitato, privo di numerazione civica e senza indicazioni ettometriche.

Le censure mosse riguardo al ritenuto eccesso di velocità sono formulate in termini generici ed appaiono, comunque, infondate. Il Tribunale, infatti, ha dato sufficiente conto delle ragioni che lo hanno indotto a ritenere che lo (OMISSIS) viaggiasse a velocità eccessiva, argomentando, in modo non incongruente, dagli elementi oggettivi desumibili dalla deposizione di uno degli agenti accertatori, dal verbale e dalla relazione di polizia in atti, da cui è emerso che l’appellante, nell’impegnare il tratto curvilineo della strada, in ora notturna e con pioggia battente, aveva perso il controllo del mezzo, percorrendo contromano la corsia opposta ed uscendo addirittura fuori strada, tanto che una volta intercettato dagli agenti a 1 Km. dal luogo della sbandata, questi ultimi lo avevano trovato intento a rimuovere resti di erba e fango dalla scocca dell’auto.
Le conclusioni cui é pervenuto il giudice del gravame costituiscono espressione di un apprezzamento di fatto che, in quanto motivato in modo non illogico, si sottrae al sindacato di questa Corte, essendo riservato al giudice di merito l’accertamento dei fatti e la valutazione delle prove.
La sentenza di appello, infine, non é incorsa nel dedotto vizio di omessa pronuncia, essendosi il Tribunale pronunciato su tutti i motivi di gravame proposti dall’appellante.
3) Per le ragioni esposte il ricorso deve essere rigettato, con conseguente condanna del ricorrente al pagamento delle spese sostenute dal resistente nel presente giudizio di legittimità, liquidate, come da dispositivo.

P.Q.M
La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese, che liquida in euro 600,00, di cui euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci al numero: 0656547128