NUOVE AGEVOLAZIONI E DETRAZIONI SULLA CASA

AGEVOLAZIONI E DETRAZIONI SULLA CASA

LEGGE DI STABILITA’ 2016:

NUOVE AGEVOLAZIONI E DETRAZIONI SULLA CASA

AGEVOLAZIONI E DETRAZIONI SULLA CASA

Il legislatore nella legge di stabilità 2016, in materia di immobili, introduce importanti novità: previsione detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni, l’acquisto di mobili e l’efficientamento energetico.
Si arricchisce di una novità la famosa agevolazione per l’acquisto della prima casa consistente nel pagamento dell’IVA (per chi compra da costruttore) al 4% o dell’imposta di registro (per chi compra da privati) al 2%.
L’agevolazione che spetta al soggetto che possieda i seguenti requisiti: acquista un fabbricato accatastato A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7, A/11; fissa la propria residenza nel Comune ove si trova l’immobile o entro 18 mesi dall’acquisto.

Vale anche l’ipotesi in cui l’immobile si trovi nel luogo ove il contribuente svolge il proprio lavoro; non sia proprietario di altri immobili nello stesso Comune e, sull’intero territorio nazionale, di altri immobili acquistati con il medesimo bonus prima casa.
In tema di ristrutturazioni, anche per il 2016 sono state confermate le agevolazioni fiscali. In particolare viene riconosciuta una detrazione Irpef del 50% con un limite di spesa di 96 mila euro e una detrazione massima di 48 mila euro, sui seguenti interventi edilizi: manutenzioni straordinarie, di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia su abitazioni (anche manutenzioni ordinarie di parti comuni condominiali); ricostruzione o ripristino di immobili danneggiati da eventi calamitosi; realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali; eliminazione delle barriere architettoniche; riduzione degli infortuni domestici; cablatura di edifici e bonifica dall’amianto; contenimento inquinamento acustico; misure antisismiche e messa in sicurezza statica; conseguimento di risparmi energetici, compreso il fotovoltaico (cosiddetto ecobonus); acquisto di abitazioni in fabbricati interamente ristrutturati.

Anche per l’acquisti di arredi interni è previsto un bonus, come per gli anni precedenti. Nello specifico, si tratta della detrazione Irpef del 50%, con limite di spesa di 10mila euro per singola unità immobiliare, pertinenze incluse (fino a una detrazione massima di 5mila euro). Tale misura viene riconosciuta solo se al proprietario dell’immobile spetti la detrazione del 50% per ristrutturazioni di cui abbiamo parlato al punto precedente. È bene precisare che la detrazione riguarda l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

È previsto un ulteriore bonus per le giovani coppie: si tratta di una detrazione Irpef del 50% con un limite di spesa di 16mila euro per singola unità immobiliare comprensiva delle pertinenze e una detrazione massima di 8mila euro. Il bonus riguarda l’acquisto di mobili ad arredo della unità immobiliare da adibire ad abitazione principale e acquistata da giovani coppie costituenti un nucleo familiare composto da coniugi o da conviventi “more uxorio” che abbiano costituito nucleo da almeno tre anni, in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni. Quindi, è necessario che gli acquisti siano finalizzati ad arredare “un’unità immobiliare”, acquistata dalla giovane coppia e “da adibire ad abitazione principale”.

La legge di stabilità prevede un bonus per risparmio energetico, ovvero per l’acquisto di pannelli solari per la produzione di acqua calda e schermature solari è riconosciuta una detrazione Irpef e Ires del 65% con limite di spesa pari a 92.307,69 euro e di detrazione di 60mila euro. Per la sostituzione impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione o pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia, e la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore è riconosciuta una detrazione Irpef e Ires del 65%, con limite di spesa di 46.153,84 euro e di detrazione di 30mila euro.

È necessario considerare, ai fini del superamento del limite di spesa, cumulativamente gli investimenti per impianti di climatizzazione invernale, pompe di calore ad alta efficienza, impianti geotermici a bassa entalpia e scaldacqua a pompa di calore.

È previsto un bonus anche per coibentazioni all’immobile e per gli infissi (detrazione Irpef e Ires del 65%, con limite di spesa di 92.307,69 euro e di detrazione di 60mila euro), così come per interventi di riqualificazione energetica generale dell’edificio (detrazione Irpef e Ires del 65%, con limite di spesa di 153.846,15 euro e di detrazione di 100.000 euro), per le caldaie a biomasse (detrazione Irpef e Ires del 65%, con limite di spesa di 46.153,85 euro e di detrazione di 30mila euro).

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci ai seguenti recapiti: Recapito telefonico 0656547128