Occhio al libero mercato, l’Antitrust lancia l’allarme: “Non c’è risparmio”

SOLEMI02: QUOTIDIANA-Z_SOLE24ORE-02  ... 21/01/12Le liberalizzazioni non fanno risparmiare. A mettere in crisi la vecchia equivalenza secondo cui l’ingresso di nuovi operatori sul mercato comporterebbe necessariamente un abbassamento dei prezzi in virtù di un’offerta maggiore è stata una recente ricerca dell’antitrust. 

Più 12,8 per cento a tanto ammonta il divario tra l’esborso sopportato dalle famiglie che nel 2011 hanno scelto il mercato libero nel campo dell’elettricità rispetto a quelle che hanno optato per il mercato tradizionale. Più 6,6 per cento è il dato altresì concernente le imprese.

Non va meglio nel campo del gas; qui lo svantaggio è praticamente nullo per le imprese ma è di ben il 2 per cento se si considerano i privati. Un disastro se il cittadino ha un consumo inferiore a 5263,6 metri cubi, il divario in questo caso può arrivare anche al 6 per cento.

Dati che sembrano la riprova di quanto beffardo possa essere il libero mercato? Niente affatto.

Lo studio presentato dall’autorità per l’energia elettrica ed il gas non coglie di sorpresa il presidente di “Sos utenti consumatori” Antonio Ferrara.

«Il libero mercato non può costituire da sé un valore aggiunto. D’altronde lo dice la parola stessa: mercato libero vuol dire possibilità di scegliere. Come in tutte le situazioni della vita possono esserci delle scelte giuste o sbagliate». Prima di prendere una decisione è bene quindi valutare una serie di aspetti.

Leggere con attenzione l’offerta dell’operatore

«Spesso attirati dalla tariffa estremamente conveniente non facciamo caso agli altri servizi erogati. L’esempio classico è quello di alcune polizze assicurative che spesso sono comprese nel contratto e del cui costo non ci accorgiamo perché focalizzati solo sull’ammontare della tariffa»

Soffermarsi sulla tipologia di contratto

«Un offerta “tutto incluso” non è detto che faccia al caso di chi ha bassi consumi»

Nessuna preclusione nei confronti dei nuovi operatori

«Non possiamo che salutare con estremo favore l’avvento di nuovi operatori sul mercato, senza concorrenza non può esserci libertà ma ora il passo successivo è educare i cittadini ad un uso appropriato del libero mercato».

Varie le iniziative di “Sos utenti consumatori” al riguardo  a partire da settembre. «Sono allo studio diversi programmi per mettere in condizioni i nostri associati di muoversi con maggiore consapevolezza nella giungla quotidiana delle offerte ma per il momento preferisco non anticipare nulla»

Raffaele de Chiara 

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci ai seguenti recapiti: Recapito telefonico 0656547128