Overbooking aereo: Ecco i Tuoi Diritti

overbooking aereo

Un fenomeno apparentemente inspiegabile, l’overbooking aereo

Incredibile, ma vero: l’ overbooking aereo esiste

Con la parola overbooking aereo si intende semplicemente negato imbarco (fenomeno diverso dalla cancellazione del volo), ossia l’impossibilità di partire nonostante il regolare acquisto del biglietto, creando così all’ex passeggero disagi personali o professionali di non poco conto.

Sì, ok, ma perché succede questo? Perché subire l’incredibile frustrazione derivante dal vedersi negato l’imbarco all’ultimo minuto, perdendo così magari la possibilità di vivere pienamente un periodo di ferie già programmato o di concludere l’affare della tua vita?

Sei stato vittima di overbooking aereo semplicemente perché le compagnie aeree – o almeno la gran parte di esse – sono solite mettere in vendita più biglietti dei posti realmente disponibili.

Le ragioni dell’overbooking aereo

Sì, ma perché?

Questa (cattiva) prassi nasce da una semplice esigenza: quella di ottenere il massimo profitto possibile.

È frequente infatti che un passeggero rinunci al volo prima della partenza, chiedendo il rimborso del biglietto dedotte le spese di gestione di pratica. Ecco spiegato il motivo.

La compagnia aerea, mettendo in vendita più biglietti dei posti disponibili, non fa altro che garantirsi che tutti i posti del volo, al netto delle rinunce, siano occupati.

La compagnia aerea, in soldoni, attraverso l’overbooking aereovende più biglietti dei posti disponibili, sapendo (o sperando) già a monte che qualcuno non si presenterà. La sovraprenotazione, cioè, mira proprio ad evitare che mancate riconferme dell’ultima ora, consentano l’effettuazione di viaggi aerei con posti disponibili, con un’evidente perdita di utile.

Senza contare il fatto che la rinuncia può essere per la compagnia aerea anche un affare conveniente, considerato che il rinunciante sarà rimborsato solo parzialmente. Non ti resta che fare due conti per comprendere quanto sia conveniente questo “affare”.

Ma la logica del profitto miete numerose vittime.

Ci si riferisce ai poveri passeggeri travolti dall’esperienza di rimanere fuori dal portellone. Ma ci si riferisce anche al danno che i passeggeri vittime di overbooking aereo effettivamente subiscono.

Si pensi, in primo luogo, al fatto che il passeggero “in sovrannumero” debba attendere l’imbarco su un volo successivo; o anche al periodo di svago perso a causa del ritardo di arrivo a destinazione, una vera e propria vacanza rovinata; o ancora all’impossibilità di arrivare puntuali ad una cena di lavoro o ad un appuntamento. Si potrebbe continuare all’infinito.

Arriva l’incubo, sei vittima di overbooking aereo

La situazione è questa, immagina la scena.

Ti presenti al gate convinto di doverti imbarcare, ma improvvisamente il personale di terra comunica ai presenti che i posti a sedere non sono sufficienti.

Si cercheranno quindi volontari disposti a rinunciare al posto a sedere, che ovviamente saranno in qualche modo ricompensati.

Ma se, nonostante i volontari, non vi siano ancora sufficienti posti a sedere.

Sei l’ultimo della fila? Preparati al dramma, perché gli ultimi della fila non saranno imbarcati.

Portellone in faccia! Sbam!

Non ti resta altro che aspettare il prossimo volo, se disponibile.

Ed agire a tutela dei tuoi diritti, ovviamente.

Vittima di overbooking aereo? Tutela i tuoi diritti

Se sei tra gli sfortunati cui è stato chiuso il portellone in faccia a causa di un overbooking aereo, sappi che ti sono riconosciuti questi diritti:

  • diritto di fruire di un volo alternativo, appena disponibile;
  • diritto di ricevere fruire gratuitamente, nel corso dell’attesa, di pasti e bevande;
  • diritto di esser rimborsato dei costi di pernottamento in albergo, qualora sia necessario;
  • diritto a ricevere una compensazione pecuniaria: di euro 250€ per tratte inferiori o pari a 1.500 km; di euro 400€ per tratte tra i 1.500 e 3.500 km; 600€ per tratte superiori a 3.500 km.

Per ottenere il tuo risarcimento puoi rivolgerti Gratuitamente ad SosUtentiConsumatori. 

Per tutelare i tuoi diritti clicca qui e compila tutti i campi del Form, avendo cura di descrivere sinteticamente i fatti che ti sono capitati.
Una volta compilati tutti i campi, clicca “Invia il Modulo”.

Nel giro di poche ore sarai contattato da un consulente specializzato di SosUtentiConsumatori, divisione SosViaggiatore, che, raccolta la documentazione eventualmente necessaria, si preoccuperà di gestire gratuitamente e velocemente la vertenza, all’esito della quale riceverai l’assegno direttamente presso il tuo domicilio.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci ai seguenti recapiti: Recapito telefonico 0656547128