Servizi non richiesti: scatta il risarcimento per il danno non patrimoniale

servizi telefonici non richiesti

Numerose sono state negli ultimi tempi le segnalazioni ricevute da parte di nostri utenti/consumatori relative all’addebito nelle bollette di costi indesiderati per servizi non richiesti relativi alla telefonia sia mobile che fissa.
Innanzitutto, bisogna sottolineare che si tratta di addebiti illegittimi in quanto gli utenti/consumatori, nella maggior parte dei casi non hanno né sottoscritto né richiesto servizi del genere.

Vieddippiù l’utente ne viene a conoscenza attraverso l’emissione della fattura ove compaiono dei costi del tutto illegittimi che si camuffano in bolletta sotto altre denominazioni e altre voci. Sono i cosiddetti servizi non richiesti abbonamenti di cui non si era mai sentito parlare prima di vederli comparire sulla bolletta mensile.

Si tratta dunque di Inadempimenti contrattuali che sono sempre più frequenti e che hanno portato ai giudici a riconoscere il risarcimento dei danni non patrimoniali dovuti sia dall’attivazione di servizi non richiesti e sia sull’illiceità del comportamento tenuto dalla compagnia che va in contrasto con le normative (D.lgs. n.185/1999, artt.9 e 12) e con le delibere dell’AGCOM (Autorità Garante nelle Comunicazioni (3/99/CIR-4/00/CIR-4/03/CIR).
In casi di inadempimento i giudici hanno ritenuto di dover risarcire il pregiudizio non patrimoniale patito dagli utenti che consisterebbe nell’aver subito un disagio, stress o frustrazione.

Vediamo dunque il caso di un consumatore di Roma che si rivolge al Giudice di Pace di Roma per vedersi restituire la somma percepita indebitamente dalla compagnia telefonica per la non autorizzata attivazione di servizi non richiesti; l’utente richiedeva altresì il risarcimento per danni patrimoniali e non patrimoniali patiti a causa del comportamento scorretto della compagnia telefonica.
Nel corso del giudizio la compagnia liquidava solo le somme trattenute illegittimamente senza risarcire le altre richieste dovute ai danni patrimoniali e non patrimoniali.

All’esito, il Giudicante emetteva una sentenza con cui riconosceva in applicazione di un’interpretazione costituzionalmente orientata dell’art.2059 c.c., il risarcimento dei danni non patrimoniali patiti dall’attore a fronte del comportamento dei soggetti gestori – pubblici o privati, non conforme alle regole della correttezza amministrativa e produttività operativa. (G.D.P. di Roma SENTENZA N.2774).

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti! Richiedi assistenza a DisservizioTelefonico nostro partner specialista in materia di telefonia.

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Compila il seguente form per ricevere l'Assistenza Gratis di DisservizioTelefonico oppure chiamaci al seguente numero: 0656547258