Stop ai presunti consumi in bolletta

Bolletta Enel in Ritardo

Stop ai presunti consumi in bolletta

consumi bolletta

Capita spesso che molte società che si occupano di fornire servizi agli utenti/ consumatori (acqua, luce, gas) utilizzino nelle fatture il metodo del “consumo presunto”, senza effettuare ogni volta la lettura del contatore per i singoli periodi.
Può accadere, dunque, che l’utente/ consumatore si trovi costretto a dover pagare per un “consumo presunto”, che viene calcolato in base a una serie di variabili tra cui (bollette precedenti, tipologia dell’immobile eccetera) per poi vedersi recapitare un “conguaglio” salatissimo, con esborsi anche molto consistenti da corrispondere in un’unica soluzione.

Il Garante per l’Energia Elettrica e Gas ha enunciato delle nuove modalità di determinazione dei consumi relativi alle forniture d’acqua che entreranno in vigore a partire da gennaio 2017; tali norme mettono in atto un nuovo sistema di rilevazione dei consumi.
Vediamo nel dettaglio come funziona questo nuovo metodo.
Innanzitutto, questo nuovo sistema prevede una rilevazione dei consumi che porterebbe all’autolettura e comunicazione dei dati attraverso internet.

Una delle novità che sarà introdotta è appunto l’autolettura dalla parte del consumatore; in particolare, l’utente/consumatore avrà la possibilità di effettuare l’ autolettura, così come può fare anche ora, ma novità importante è che quest’ultima dovrà essere garantita all’utente dal gestore del servizio, che dovrà tra l’altro anche facilitare l’invio attraverso canali multimediali, come l’invio di messaggi sms, comunicazione vocale telefonica o via web-chat sul sito internet del gestore stesso.

Pertanto, cambierà anche il servizio di comunicazione; difatti quest’ultimo dovrà essere attivo 24 ore su 24, e dovrà essere in grado di dare riscontro all’utente sulla corretta presa in carico dell’autolettura, sia al momento stesso della comunicazione sia entro i successivi 9 giorni lavorativi.
Cosa diversa per quanto riguarda la lettura dei contatori tradizionali; infatti, nel caso in cui gli utenti, le famiglie e i condomini i cui consumi medi annui raggiungano un massimo di 3 mila mc la lettura tradizionale dovrà essere effettuata almeno due volte l’anno.
Se invece i relativi consumi dovessero superare i 3 mila mc dovranno essere effettuati almeno tre controlli annui, distanziati almeno di 90 giorni.

Questo è quanto ha previsto l’AEEGSI.
Di conseguenza, è irragionevole imporre all’utente l’obbligo al pagamento di un “consumo presunto”.
Sulla base di tale principio l’Antitrust, ovvero l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, dal canto suo, ha introdotto ulteriori proposte al fine di consentire maggiore trasparenza per i consumatori attraverso l’emissione di bollette sempre più basate su consumi effettivi: nuovi obblighi di lettura, incentivi all’utilizzo dell’autolettura, incremento della periodicità di invio delle bollette e indennizzi automatici per ritardi, divieto di fatture miste nel caso di scelta di fatturazione mensile, tempi certi per le bollette di chiusura in caso di cambio fornitore, voltura o disattivazione.

Il Presidente dell’Associazione SOS utenti Consumatori, Avv. Michele Ferrara confida nell’operato dell’Antitrust al fine di porre chiarezza e trasparenza nell’interesse dei consumatori: “Di conseguenza, è irragionevole imporre all’utente l’obbligo al pagamento di un consumo presunto; è auspicabile, quindi, un maggior intervento dell’Autorità Garante al fine di prevenire pratiche commerciali scorrette compiute dai vari operatori”.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti!

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Contattaci mediante il FORM DEDICATO oppure chiamaci ai seguenti recapiti: Recapito telefonico 0656547128