Vanta un credito di 5 mila euro ma non ha prove, accolta la domanda di un utente contro Telecom

Telecom ItaliaTelecom Italia vantava un credito presunto di 5 mila euro nei confronti di un utente ma non aveva prove a sostegno della propria pretesa.

Il giudice di Pace di Sorrento ha accolto la domanda di un utente che agiva contro Telecom Italia e ha condannato quest’ultima a restituire al ricorrente 2716,11 euro quale somma indebitamente ricevuta per prestazioni non provate.

“Non essendo possibile la materiale dimostrazione di un fatto non avvenuto da parte dell’attore – argomenta la Corte – la relativa prova può essere data mediante la dimostrazione di uno specifico fatto positivo contrario ed anche mediante presunzioni dalle quali possa desumersi il fatto negativo il cui onere per quanto sopra grava sul convenuto che pretende la prestazione contestata”.

Specificato quindi l’assenza di mezzi probatori prodotti dalla società telefonica  “Non ha fornito prova alcuna del fondamento del proprio debito con il deposito del contratto intercorso tra le parti e debitamente sottoscritto né di documentazione contabile eventualmente in proprio possesso dalla quale si sarebbe potuto evidenziare i tempi, la durata, la destinazione delle telefonate il cui costo è stato addebitato all’attore”, ha accolto in pieno la domanda dell’attore.

“E’ un ottimo risultato – argomenta il presidente nazionale di Sos utenti consumatori Antonio Ferrara – il giudizio in questione restituisce finalmente giustizia all’utente. Purtroppo sono sempre più frequenti i casi in cui quest’ultimi si vedono addebitate somme per servizi mai effettuati o mai richiesti”.

Una giurisprudenza chiamata a fare scuola.

“Sono sicuro che il futuro andrà sempre più in questa direzione. Il tempo dello strapotere delle compagnie telefoniche a tutto danno dei consumatori è finito. Da un lato infatti c’è da parte di quest’ultimi una maggiore consapevolezza, dall’altro anche i giudici hanno finalmente capito che il più delle volte il vero anello debole del rapporto è sempre l’utente consumatore. L’unico soggetto – conclude Ferrara – davvero meritevole di salvaguardia, semplicemente perché privo dei mezzi economici e delle nozioni di diritto indispensabili per difendersi”.

Ci teniamo a sottolineare che il servizio è e rimarrà sempre gratuito, in quanto lo scopo ultimo della nostra associazione è proprio garantire tutela a tutti i consumatori e far valere sempre i loro diritti! Richiedi assistenza a DisservizioTelefonico nostro partner specialista in materia di telefonia.

Visita il nostro sito e le nostre pagine Facebook dove troverai tante altre info e curiosità (ebbene si, siamo anche sui social) lasciando un “mi piace” per supportare le nostre attività.

Compila il seguente form per ricevere l'Assistenza Gratis di DisservizioTelefonico oppure chiamaci al seguente numero: 0656547258

I commenti sono bloccati.